Un’esperienza sicura: partorire in casa

parto in casaQuesta foto rappresenta l’incontro d’amore più importante della vostra vita.

E’ la situazione che vi aspetta durante un parto in casa. Qual’è la sicurezza più grande per una donna che aspetta un bambino se non quella di essere circondata dalle persone che ama, nella sua casa che è il nido della sua famiglia e soprattutto seguita, sostenuta e guidata da un’ostetrica che la accompagna in questa nuova esperienza?

Il parto in casa è una realtà accessibile e sicura anche nella nostra zona, merito di Mammalcentro: donne ostetriche preparate che possono starvi accanto già da molto prima del momento del parto.

1. State aspettando un bambino e avete già deciso dove partorire, ma non siete tranquille…

2. State aspettando un bambino ma non sapete ancora dove partorire…

3. State aspettando un bambino, avete già deciso tutto, avete la situazione sotto controllo, tutto è già pronto…

Se rientrate in una di queste situazioni, non precludetevi comunque la possibilità di saperne di più sul parto a casa, di vivere voi e la vostra famiglia un momento inteso e importante dove voi e il vostro bambino sarete coccolati dall’amore di tutti e dove la voce e le mani dell’ostetrica vi guideranno passo dopo passo al parto e anche dopo, nel modo più sereno possibile. Partecipate agli incontri gratuiti con vostro marito, con vostra mamma… Il primo è il 6 giugno alle 20.30 ad Asti. Poi è la volta di Alessandria.partorire in casa

Non c’è epidurale che tenga: quante volte anche se prevista non viene comunque fatta? I metodi naturali dell’ostetrica sicuri e dolci attenueranno le ansie e i dolori delle contrazioni. C’è la Birth Pool con telino monouso, la piscina per la nascita: l’acqua alla temperatura giusta è un grande sollievo. Ci sono i massaggi dell’ostetrica e il papà, molto partecipe e presente.

Le ostetriche di Mammalcentro, nel periodo settembre 2013 – maggio 2016, hanno assistito a 54 nascite. Di queste, 34 sono state programmate a casa e 31 sono proprio avvenute in casa. Delle 31 nascite a casa, 17 (55%) sono state in Alessandria e provincia. Per le donne che hanno partorito a casa, l’età media al parto era di 33.6 anni. Per 10 donne (32%) era il primo figlio, per 21 (68%) era almeno il secondo figlio (7/31 erano al terzo-quarto parto).

Delle nascite a casa, 14 (45%) sono avvenute in acqua, ma in 17 casi (55%)  è stata utilizzata l’acqua come metodica di contenimento del dolore (analgesia fisiologica) almeno per il travaglio.

Mettetevi nelle mani di un’ostetrica, anche se comunque decidete di andare in ospedale: non sarete mai in ansia e non tranquille perchè ci sarà sempre lei a guidarvi verso un parto positivo. Leggi le esperienze delle mamme che hanno partorito in casa sul profilo FB di Mammalcentro



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.