Studio Canestri: il ciuccio e la dentizione

Ciuccio e biberon possono essere “amici” inseparabili dei nostri bambini. Sono la salvezza per la tranquillità dei genitori perchè danno immediata soddisfazione e piacere ai piccoli.

Quale ciuccio scegliere prima di tutto?

Lo Studio Canestri, consiglia di evitare l’uso prolungato del ciuccio o del biberon dopo i 3 anni perchè può provocare problemi successivi al corretto sviluppo dei denti. Fino a quel momento però ecco qualche suggerimento per scegliere bene il ciuccio per i nostri bambini:

  • per i primi 6 mesi la tettarella è meglio che sia in silicone per poterla pulire meglio
  • dopo i 6 mesi può essere anche in caucciù perchè più resistente ai primi morsetti
  • la tettarella deve essere ovale e anatomica
  • in bocca il ciuccio va messo in posizione orizzontale, mai in verticale
  • MAI intinto in bevande zuccherate o nel miele
  • va sostituito ogni 1 o 2 mesi
  • se cade per terra, la saliva dei genitori non compie nessuna pulizia…aiuta solo i germi degli adulti a entrare nella bocca dei bambini

E’ sicuramente consigliabile togliere l’abitudine del ciuccio al piccolo il prima possibile per consentire uno sviluppo armonioso e corretto dei denti permanenti, evitando problemi come malocclusioni o disallineamento dei denti.

Allora quando farlo? Non c’è un’età giusta (anche se è meglio come scritto sopra evitarne l’uso dopo i 3 ANNI), ma c’è sicuramente il momento giusto per ciascun bambino ed è compito dei genitori capirlo.

Aiutatevi così:

  • prima si fa e più facile diventa questo passaggio
  • cercate un sostituto del ciuccio per esempio in un nuovo peluche
  • cominciate un po’ prima con un ciuccio di una dimensione più piccola…dà meno piacere!

Leggi anche LA LOGOPEDISTA ALLO STUDIO CANESTRI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.