Primavera nelle erbette in Monferrato

Ora che abbiamo scoperto il piacere di cucinare con calma per chi amiamo, non fermiamoci!! Approfittiamo del bel tempo per raccogliere erbette profumate e prelibate con i bambini.
Dove?

Se abitate in campagna o conoscete chi ci abita è meglio: è più sicuro raccoglierle lontani da traffico autostradale e passeggiate di cani.

In collina, per stradine di campagna con il cavagnin o il fazzoletto (no sacchetti di plastica), proprio come si faceva una volta, cercate le erbette di campo e ad rivi ad foss.

Non sarà solo un modo per fare una bella passeggiata, ma una sorta di caccia al tesoro, un modo per divertirsi anche dopo in casa a cucinarle.
Solo le foglie più tenere e sempre lontano dalle strade.

GAGGIA o fiori d’ACACIA basta seguire il brusio delle api, alzare lo sguardo e vedere splendidi fiori bianchi perfetti per dolci frittelle cosparse di zucchero a velo. Squisite! Gli stessi fiori essicati c’è chi li usa per fare una tisana.

ORTICA Mettete i guantini così non pizzicano! Buonissimo il trito nel risotto o nella frittata!! Come ripieno per la pasta fresca…o gnocchi!!

TARASSACO o dente di cane. Cresce ovunque nelle nostre campagne. Il sapore è un po’ amarognolo ma in insalata o dopo una bella sbollentata, mangiato insieme a due uova sode sono il massimo! Con i fiori si può fare il miele, mal’è an travaion!!!
E’ MEGLIO RACCOGLIERLE QUANDO NON C’E’ ANCORA IL FIORE, LE FOGLIE SARANNO PIU’ VERDI E TENERE

E’ un’attività rilassante e divertentema mai cucinarle e mangiarle se si hanno dei dubbi…piuttosto usatele per preparare la minestra per le bambole.


BORRAGINE facile da individuare per i suoi bei fiorellini violetti. Buone le foglie in pastella o cucinate nella frittata. I fiori possono essere usati per un risotto insieme ai fiorellini del rosmarino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.