Studio Canestri: cosa sono le macchie sui dentini

Ce ne sono di diversi tipi e tutte sono da tenere sotto controllo. Non è solo una questione estetica, ma di salute della bocca del bambino. Un indicatore di cosa non va.

Come ribadiscono dallo Studio Canestri, in via Cento Cannoni 25 Alessandria, in molte situazioni una buona visita della bocca del bambino, può dare parecchie indicazioni sulla salute generale. Questo vale in realtà da bambini come da adulti.

MACCHIE GIALLE O DENTI GIALLI: controllate la sua igiene orale prima di tutto e se vi sembra che proceda bene allora il ventaglio di cause potrebbero essere parecchie.

A volte capita che gli stessi denti definitivi – gli incisivi – spuntino già gialli, nonostante i dentini da latte fossero bianchi. Le cause potrebbero essere:

  • Terapia antibiotica
  • Ipomineralizzazione
  • mancanza di vitamina D
  • uso di dentifricio con quantità di fluoro non adatta all’età

E’ bene sapere che solitamente l’allattamento al seno è un ottimo alleato per prevenire i denti gialli nei bambini e anche la carie di quelli da latte. Il latte materno contiene infatti minerali fondamentali quali il fosforo e il calcio.

MACCHIE NERE O SCURE
Sebbene visivamente più fastidiose non devono preoccupare.
Le macchioline scure sui denti da latte non sono spesso carie, ma il prodotto di scarto di alcuni batteri che, metabolizzando i residui di cibo sulla superficie dei dentini, rilasciano questo materiale scuro.

Queste “BlackStain” sono pigmentazioni superficiali, di solito associate alla presenza nel cavo orale di colonie batteriche e da un eccesso di ferro nella saliva. Negli adulti, il trattamento per la rimozione consiste nella seduta di igiene orale professionale mediante ultrasuoni, polish con paste per lucidature e gommini. Nei bambini queste forme, a volte, tendono a regredire con lo sviluppo puberale e il passaggio all’età adulta.

Si tratta sicuramente di un problema estetico che non deve destare ansia e preoccupazioni, perché i soggetti che presentano queste diacromie sono meno cariorecettivi.
Eh almeno questo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.