Studio Canestri: cosa fare se si scheggia e rompe un dentino

Arrivano le belle giornata, i bambini finalmente escono e si scatenano all’aperto.

bimbo cade

Il Dottor Canestri, dello Studio Canestri di Alessandria, in piazza Garibaldi 38, spiega come comportarsi nell’immediato se cadendo, al bambino

1) si scheggia un dentino...

  • se è da latte e non si tratta di una zona estetica e la frattura è limitata, è sufficiente mettere del ghiaccio per ridurre il dolore/gonfiore. Se siamo in una zona estetica oppure il margine della frattura è tagliente, bisogna ricostruire il prima possibile il dente
  • se il dente è permanente si mette il ghiaccio e si deve ricostruire il prima possibile

2) oppure se si rompe un incisivo…

  • sia per il dente da latte sia per il permanente se si riesce a recuperare il pezzo fratturato, bisogna mantenerlo in soluzione fisiologica o latte per idratarlo. Si valuterà se è possibile riattaccarlo o se è necessario ricostruire il dente.

3) oppure se il bambino sente dopo la botta che i denti si muovono

  • se il dente si muove poco lasciare in posizione e non toccare; se è il dente è avulso dall’alveolo e non è possibile intervenire immediatamente, rimetterlo in posizione o conservarlo in soluzione fisiologica o latte e portare il bambino in visita urgente (in tanti casi è possibile il reimpianto)
Canestri

Se avete altre domande il Dottor Canestri è disponibile a rispondervi per e-mail all’indirizzo info@studiocanestri.it

Per il dottor Canestri il sorriso di TUTTI I BAMBINI è importante.

Per questo motivo da anni lavora come volontario all’associazione Un Sorriso per loro.
L’associazione raggruppa medici volontari e famiglie di bambini affetti dalla patologia della labiopalatoschisi, la malformazione della faccia comunemente nota come labbro leporino (un’interruzione più o meno grande del labbro superiore, della gengiva e del palato).

L’ambulatorio presso l’Ospedaletto Infantile di Alessandria consente visite, interventi chirurgici e riabilitazione di altissimo livello con un approccio multidisciplinare effettuato da medici volontari.
Contributi, donazioni e iniziative come UN FIUME DI SORRISI IN CITTADELLA, che quest’anno si svolgerà sabato 15 giugno, consentono all’ambulatorio di continuare ad essere una delle eccellenze proposte dall’Ospedale Infantile di Alessandria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *