Dispositivi anti abbandono: come regolarsi

Ho chiamato la Polizia municipale di Casale e Alessandria e ho chiesto come si sarebbero comportati se dovessero fermare un’auto senza dispositivo anti abbandono per il seggiolino auto dei bambini in questi giorni di grande confusione.

In entrambi i casi la risposta è stata subito un po’ vaga, poi sentendo che purtroppo i negozi ne erano rimasti sprovvisti, ricorrendo a prenotazioni con arrivi ancora incerti, mi sono sentita rispondere che vista la situazione NON AVREBBERO FATTO MULTE .

Dall’Aci mi scrivono quanto segue

Secondo una circolare del Ministero dell’Interno del 6 novembre, l’obbligo di avere il dispositivo e la sanzionabilità di non averlo decorrono dal 7 novembre.
Esistono tuttavia pareri discordanti, tra cui anche quello dell’ASAPS – Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale, che invece ritengono essere il 6 marzo 2020. Leggi di più

L’obbligo riguarda i bambini di età inferiore a quattro anni anni, fino quindi a tre anni e 364 giorni (364° giorno compreso!!!)

A “LA CULLA DEL PANNOLINO” DI CASALE MONFERRATO trovate Tippy

Dal Corriere della Sera
Per aiutare i consumatori nell’acquisto (il costo dei dispositivi va dai 50 ai 100 euro circa), la legge di bilancio 2019 ha previsto un bonus di 30 euro a dispositivo, fino a esaurimento delle risorse disponibili. Non si sa ancora però come richiedere l’incentivo, perché non esiste ancora il decreto del Ministero dei Trasporti che lo spieghi

Al momento, il consiglio del governo è quello di «conservare lo scontrino»perché molto probabilmente si tratterà di un provvedimento retroattivo. Quindi anche chi acquista oggi (o ha già acquistato) il dispositivo potrà richiedere in futuro i 30 euro.

I vecchi seggiolini possono rimanere in commercio, infatti i dispositivi non devono per forza essere integrati nei nuovi seggiolini.

Quindi buon fine settimana a zonzo per il Monferrato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *