La Casa di Babbo Natale

E chi l’avrebbe mai detto che Babbo Natale sarebbe tornato a Cuccaro per salutare i bambini, raccogliere letterine e smangiucchiare qualcosa insieme? Questo proprio aprendo la sua nuova e dolcissima casa, accogliendo i piccoli tra le sue cose che sanno un po’ di fiaba e facendo in loro compagnia tante belle foto ricordo?

Sicuramente il calore dei bambini accorsi da tutto il Monferrato e il lavoro degli Elfi suoi aiutanti sono stati per lui un richiamo troppo forte per resistere…e allora riecco per la gioia dei piccoli, La Casa di Babbo Natale.
Chi non ci è ancora stato non è un po’ curioso di vederla?

Venite bambini a scrivere e spedire la letterina con gli Elfi!
Dedicatevi con allegria a tanti colorati lavoretti con pannolenci, tappi di sughero, palline e tante cose di recupero per fare addobbi per l’albero.
Quest’anno gli Elfi hanno lavorato parecchio: la Casa di Babbo Natale è un po’ più grande, così che può ospitare anche qualche bancarella con oggetti di artigianato  e leccornie davvero speciali

BABBO NATALE E I SUOI STREPITOSI AIUTANTI VI ASPETTANO

SABATO 8 DICEMBRE DALLE ORE 10 ALLE ORE 18

DOMENICA DALLE 10 ALLE 12,30 E DALLE 15 ALLE 18  

Seguiranno altri appuntamenti nei fine settimana successivi

Una festa del cuore, dei sentimenti, dei pensieri delicati e raccolti di un paese che si è entusiasmato anche quest’anno nella preparazione di questa “chicca natalizia”.
E se volete cimentatevi poi in una bella passeggiata, partite da Cuccaro in direzione Lu nella strada panoramica meravigliosa in primavera, suggestiva a inizio inverno.
In qualsiasi stagione posti come questi per panorami e accoglienza sono favolosi. Lo scorso anno in questo periodo ho incontrato durante il cammino alcune famiglie dove i bambini cercavano cespugli e bacche o ramoscelli interessanti e la mamma accorreva per raccogliere mazzetti per decorazioni e centrotavola. Se poi riuscite a camminare ancora un po’ troverete anche l’indicazione ormai sbiadita dal tempo, per raggiungere il camparot, l’antesignano della Big Bench. Una bella scoperta! 

Una costruzione tipica sulla strada verso Lu, costruita in legno a tre gambe con sopra una capanna di canne che serviva come “dimora” del Campà , ovvero di colui che sorvegliava i vigneti in periodo di vendemmia. I camparot sono spariti ai primi del 900. Questa è una meravigliosa ricostruzione…non adatta però alle arrampicate dei bambini, tanto meno degli adulti.

Godetevi il tramonto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *